Caratteristiche

Che cos’è il vetro?
Il vetro si ottiene fondendo una miscela di silice, carbonato di sodio e di calcio. L’ingrediente base è la silice (sabbia di cava) che costituisce il 70% del composto ma, dal momento che la sua fusione avviene solo a temperature molto elevate (1700°), si ricorre al carbonato di sodio per abbassare il punto di fusione intorno ai 1500°. Maggiore è il contenuto di sodio e più lentamente avviene il processo di solidificazione che permette una lavorazione più lenta. Il carbonato di calcio rende più stabile e meno opaco il vetro. Ai materiali sopra citati, va aggiunto il solfato sodico che facilita la fuoriuscita delle bolle gassose dal prodotto di fusione e ne migliora l’omogeneità.

Gli imballaggi di vetro
Il vetro è un ottimo materiale riciclabile, che mantiene intatte la sue qualità, anche dopo numerosi trattamenti di riciclo. Inerte e resistente al caldo, è considerato il contenitore ideale per gli alimenti perché permette di conservare gusto e aromi, di sterilizzare e pastorizzare gli alimenti che contiene.
L’imballaggio in vetro è particolarmente apprezzato perché è un’ottima barriera per gli agenti inquinanti, è resistente, isolante, trasparente, riciclabile.